AIDIA un francobollo ne celebra i 60 anni



Domani venerdì 6 Ottobre sarà emesso un francobollo dedicato al 60° anniversario dell’ AIDIA – Associazione Italiana Donne Ingeneri e Architetti. Appartenente alla serie “Le eccellenze del sapere“, è disegnato da Cristina Bruscaglia. Raffigura una donna composta da strumenti da disegno ed a sinistra il logo dell’associazione. Il francobollo da 95 centesimi è autoadesivo e verrà prodotto in 450.000 unità.

Francobollo-donne-ingegneri-architetti

Nel bollettino illustrativo ecco le parole della presidente Lucia Krasovec-Lucas: “Il contributo delle donne nella storia dell’architettura e della tecnica ingegneristica è tutt’altro che trascurabile. La determinazione delle pioniere in queste professioni, tradizionalmente maschili, ha messo in evidenza non solo le capacità di porre eticamente cura nel progetto, ma anche quelle peculiarità femminili del fare specifico: progettare significa guardare al prodotto come al risultato di un processo creativo indissolubilmente legato alla storia e alla complessità, alla funzione e alla bellezza, con risultati originali e innovativi. Oggi, la situazione sembra essere apparentemente cambiata per la massiccia presenza di studentesse nelle scuole di architettura e ingegneria, ma le laureate che poi esercitano la libera professione sono ancora poche e hanno generalmente poca visibilità. Sono comunque ancora questioni delicate, argomenti da trattare con cautela per non scadere in banali stereotipi”.

La storia

AIDIA – Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti nasce nel 1957 quando le donne iscritte agli albi professionali erano 148 ingegneri e 147 architetti. Fin da subito l’associazione promuove gli scambi di idee a scopo culturale e professionale, la valorizzazione del lavoro delle donne nel campo della tecnica, l’assistenza reciproca nel campo della professione, creazione e sviluppo dei legami culturali e professionali con analoghe associazioni italiane e straniere.

Nel 1957 Aidia organizza a Venezia il primo convegno nazionale dal titolo ” Le donne nella professione dell’ingeneria e dell’architettura “, a cui segue il secondo convegno del 1958 “Affermazioni e possibilità delle donne nel campo dell’architettura e della tecnica” ed il terzo convegno del 1959 che ha per tema “La Casa“.

L’impegno dell’AIDIA prosegue negli anni successivi con coerenza organizzando convegni e riunioni su temi attuali ed urgenti, partecipando inoltre a meeting e congressi nazionali ed internazionali.

I 60 anni

La celebrazione dedicata ai 60 anni si è svolta a Torino il 19 maggio, per l’occasione nei mesi scorsi è stato bandito un concorso rivolto a giovani professioniste e studentesse di ingegneria ed architettura per il disegno dell’immagine identificativa dei 60 anni dell’associazione.

L’immagine vincitrice del concorso opera di Anna Paola Baruffaldi, studentessa di architettura

L’immagine della città

Venerdì 6 Ottobre si terrà a Cosenza la seconda edizione del convegno internazionale “L’immagine della città” (prima edizione 2014 a Trieste).

Questo il comunicato:”Quale sarà l’Immagine della Città? La Seconda Edizione del Convegno “L’Immagine della Città” mette ancora al centro della discussione il futuro della Città, come sfida per attivare azioni, dialoghi e collaborazioni tra le Amministrazioni, i Professionisti e la società civile. L’AIDIA si impegna a proseguire la ricerca su questi temi, ponendo il focus su urgenze che interessano tutto il Paese, quali il rischio idrogeologico, sismico e i cambiamenti climatici.

Le città, da sempre specchio dei successi e delle crisi di una comunità, sono il luogo in cui è possibile sperimentare l’innovazione scientifica e tecnologica, supportata da una maggiore inclusione e consapevolezza del bene comune, come presupposto per una qualità di vita che possa contrastare il degrado materiale e immateriale.”

 

Fonti: www.aidia-italia.it ;  Lucia Krasovec-Lucas “Aidia – 60 anni di buone pratiche” in Eudonna Magazine n. 2, Marzo 2017.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *